Vai al contenuto

Cos’è il picco glicemico post-prandiale?

Il “picco glicemico post-prandiale” o “risposta glicemica post-prandiale” si verifica, come dice il nome stesso, dopo aver consumato un pasto. Rappresenta la massima concentrazione che il glucosio raggiunge nel sangue nell’arco di una giornata e se quest’ultima è molto elevata – come nel caso di un pasto ricco in carboidrati – può causare fluttuazioni troppo rapide della glicemia che esercitano un impatto significativo sulla salute delle nostre cellule e sul nostro benessere complessivo.

Perché è importante abbassare i picchi glicemici post-prandiali?

Favoriscono l’accumulo di grasso e l’aumento del peso

Se i livelli di glicemia aumentano rapidamente, l’insulina interviene per trasportare lo zucchero alle cellule. Ma quando nel sangue è presente una quantità eccessiva di glucosio, parte di esso viene immagazzinata nel fegato e nei muscoli, mentre la maggior parte viene accumulata nel tessuto adiposo sotto forma di trigliceridi, molecole di grasso.

Possono causare ipoglicemia reattiva e stimolare l’appetito

Quando il livello di zucchero nel sangue aumenta rapidamente, l’insulina fa lo stesso per abbassarlo. Una volta che questo ormone ha svolto il proprio compito, sia la sua concentrazione nel sangue che quella di glucosio scendono velocemente, a volte più in basso rispetto a prima del pasto. Questo fenomeno è chiamato “ipoglicemia reattiva” e può farci sentire improvvisamente affamati e contribuire a farci ingrassare.

Sono l’anticamera di obesità e diabete di tipo 2

Un livello di insulina cronicamente elevato, essenziale per ridurre la glicemia durante i momenti di picco, può causare l’insorgenza di insulino-resistenza, obesità, sindrome metabolica e diabete di tipo 2.

Sono pro-infiammatori

Le oscillazioni dei livelli di zucchero nel sangue causano il rilascio di radicali liberi, molecole che innescano uno stato di infiammazione generalizzato che danneggia lentamente organi e tessuti.

Promuovono la glicazione

Ovvero una reazione chimica che costruisce un legame indissolubile tra uno zucchero e una proteina (o il DNA) – che è alla base del processo di invecchiamento cellulare e di malattie neuro-degenerative come il morbo di Parkinson e l’Alzheimer.

Perché è importante controllare la glicemia

Come riconoscere i picchi glicemici post-prandiali elevati?

Fortunatamente, il nostro corpo ci manda segnali chiari. C’è chi lotta costantemente con la sensazione di stanchezza e mancanza di chiarezza mentale e chi lamenta notti insonni, emicranie o sbalzi d’umore repentini. C’è chi si ammala di più e più spesso. Inoltre, c’è chi sperimenta un aumento di peso e un costante desiderio di cibo a causa dell’incapacità del corpo di rilevare i segnali di sazietà, per un eccesso di insulina circolante.

7 consigli per abbassare i picchi glicemici

1

Stile di vita sostenibile

Adottare uno stile di vita sostenibile, che favorisca l’assunzione di cibi di qualità e un’adeguata attività fisica.

2

Liberarsi dall’ossessione delle calorie

Sebbene siano uno strumento scientifico, credere che contare le calorie sia sufficiente per una dieta sana è un’illusione pericolosa.

3

La colazione

Evitare una colazione troppo ricca di amidi e zuccheri (come muesli e frutta) per prevenire i picchi glicemici.

4

Accompagnare i carboidrati con fibre, grassi e proteine

questa combinazione rallenta l’assorbimento del glucosio, riducendo i picchi glicemici.

5

Sì al dessert dopo i pasti, no allo spuntino a stomaco vuoto

ciò aiuta a ridurre lo stress postprandiale e evita picchi improvvisi di zucchero nel sangue.

6

Attività fisica

Praticare attività fisica dopo i pasti, anche brevi passeggiate a patto che siano entro un’ora circa dalla fine del pasto.

7

Prestare attenzione alla modalità di cottura degli alimenti

per esempio, optare per una cottura al dente della pasta può influenzare il suo indice glicemico – ovvero la misura della velocità con cui un alimento aumenta la glicemia – mantenendolo a livelli più bassi.

I prodotti della linea

Primi e unici in ITALIA a base di Reducose®, un estratto brevettato di foglie di gelso bianco che supporta il metabolismo dei carboidrati.

Scopri di più
Glicoper Stick

Glicoper® 30 stick

26,90 
Acquista
Glicoper capsule

Glicoper® 30 capsule

26,90 
Acquista

Hai domande su Glicemia e Controllo Metabolico?

Le nostre FAQ sono qui per aiutarti.

Dopo l’assunzione di cibo, il corpo converte i carboidrati presenti nel cibo in glucosio, per poterli assorbire e ricavarne energia. Questo può portare a un aumento temporaneo della glicemia (picco glicemico post-prandiale), più elevato nei soggetti con predisposizione al diabete o altre condizioni metaboliche.